Dopo 8 anni Bergoglio, vuole “Normalizzare” l’Emeritato per il Papa.

Tira aria di “dimissioni” anche per Bergoglio, molte sono le cose tra malattie, pallottole e telefonate improvvise mentre si svolge l’udienza pubblica. Insomma, un “dejavù” diremmo. Mi chiedo perchè non fu Benedetto XVI a dare disciplina giuridica in tale nuova “Istituzione”? se ha davvero abdicato? In tal modo avremmo 1 Papa Canonico e 2 Antipapi? E’ UN ABERRAZIONE TEOLOGICO-GIURIDICA. SVEGLIATEVI!

Dopo questa, non si può far silenzio sul fatto di Benedetto XVI, perchè la “Moda” del Papa di Dimettersi nasce con lui (ma sappiamo che Ratzinger è sempre stato contrario alle dimissioni del Papa, lo era per Giovanni Paolo II, figuriamoci se si dimetteva per “ragioni di età”). Quindi bisogna impugnare la Declaratio e fare un salto indietro ad analizzare il Papato di Ratzinger. Sappiamo che è stato un Papato tormentato, oggi ho letto qualcosa a riguardo (ma in questo periodo ho letto molto gli articoli di Cionci su Libero). Papa Benedetto era odiato in curia, ma anche a livello generale in tutta la Chiesa per il suo essere “conservatore” e non un progressista senza freni. Dopo aver letto molto a riguardo sono giunta alla conclusione che Benedetto XVI è il Papa perchè NON ha MAI abdicato e lo dice pure nella Declaratio, lui parla del Ministerium come un tratto caratterizzante del Munus, ma non ha senso dire di rinunciare al Ministerium, perchè il Codice diritto Canonico, articolo 332, dice che la rinuncia al MUNUS deve essere chiara, quindi NON VI DEVONO ESSERE GIOCHI DI PAROLE. Lui nella Declaratio lamenta il peso materiale dell’Ufficio, nel suo caso tormentato di Vescovi e Cardinali che lo odiavano e nemmeno lo obbedivano, infatti l’applicazione del Summorum Pontificum è stata lenta, quasi inesistente, APPUNTO per via di tali disobbedienze gratuite che Benedetto NON puniva. Riprendiamo la Declaratio, è chiarissima, lui lascia “Libera”, “vacante” la sede SENZA ABDICARE:

Carissimi Fratelli,

vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice.

Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinché assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell’eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio.

Dal Vaticano, 10 febbraio 2013

VERSIONE LATINA:

“Fratres carissimi

Non solum propter tres canonizationes ad hoc Consistorium vos convocavi, sed etiam ut vobis decisionem magni momenti pro Ecclesiae vita communicem. Conscientia mea iterum atque iterum coram Deo explorata ad cognitionem certam perveni vires meas ingravescente aetate non iam aptas esse ad munus Petrinum aeque administrandum.

Bene conscius sum hoc munus secundum suam essentiam spiritualem non solum agendo et loquendo exsequi debere, sed non minus patiendo et orando. Attamen in mundo nostri temporis rapidis mutationibus subiecto et quaestionibus magni ponderis pro vita fidei perturbato ad navem Sancti Petri gubernandam et ad annuntiandum Evangelium etiam vigor quidam corporis et animae necessarius est, qui ultimis mensibus in me modo tali minuitur, ut incapacitatem meam ad ministerium mihi commissum bene administrandum agnoscere debeam. Quapropter bene conscius ponderis huius actus plena libertate declaro me ministerio Episcopi Romae, Successoris Sancti Petri, mihi per manus Cardinalium die 19 aprilis MMV commisso renuntiare ita ut a die 28 februarii MMXIII, hora 20, sedes Romae, sedes Sancti Petri vacet et Conclave ad eligendum novum Summum Pontificem ab his quibus competit convocandum esse.

Fratres carissimi, ex toto corde gratias ago vobis pro omni amore et labore, quo mecum pondus ministerii mei portastis et veniam peto pro omnibus defectibus meis. Nunc autem Sanctam Dei Ecclesiam curae Summi eius Pastoris, Domini nostri Iesu Christi confidimus sanctamque eius Matrem Mariam imploramus, ut patribus Cardinalibus in eligendo novo Summo Pontifice materna sua bonitate assistat. Quod ad me attinet etiam in futuro vita orationi dedicata Sanctae Ecclesiae Dei toto ex corde servire velim.

Ex Aedibus Vaticanis, die 10 mensis februarii MMXIII”

Come vedete la Declaratio è chiara in latino (meno che in Italiano). Altra cosa che spicca è quel differimento con un orario ben preciso e mai confermato. Ora perchè un Papa deve “rinunciare” per ragioni di età? Poteva delegare un Cardinale senza tutto questo. Invece NO. Altra cosa che arriva è la traduzione in contesto della parola latina “vacet” dal verbo latino “vacare”. In molti contesti si traduce come “vacante” e altri “libero”, “vuoto”. Vi è quindi, la ovvietà di “Sede Impedita”, Benedetto XVI era disobbedito e odiato, oltre che pressato un pò da tutte le parti, infatti la “Sede impedita” risponde al Canone 412: “La sede episcopale si intende “impedita” se il Vescovo diocesano è totalmente impedito di esercitare l’ufficio pastorale nella diocesi a motivo di prigionia, confino, esilio o inabilitànon essendo in grado di comunicare nemmeno per LETTERA con i suoi diocesani”.

Alcuni Latinisti hanno portato questa novità, così la declaratio già invalida da sè stessa, viene letta non più come una rinuncia ma a mò di: “Mi faccio da parte n’attimo, ma resto Papa e vi lascio scatenare per poi levarvi di mezzo appena possibile”.

Che Benedetto già nel 2005 fosse “impedito” moralmente a governare ce lo dice un episodio col Mons.Fellay della FSSPX (Comunità San Pio X) il quale, durante un’udienza, ricordava al Papa di essere in possesso dell’autorità per rimettere le cose in ordine nella Chiesa su tutti i fronti. E Benedetto rispose così: «La mia autorità finisce a quella porta». E questo avveniva a Castel Gondolfo già nell’agosto 2005. Ossia “non posso far nulla”.

https://www.liberoquotidiano.it/articolo_blog/blog/andrea-cionci/28416348/papa-ratzinger-mia-autorita-finisce-quella-soglia-perche-poteva-dichiarare-sede-impedita.html?fbclid=IwAR0SkgaeHUfgVS8jN1qb2FMh72xjDD9Og3ZRhzPVCen2mxiw3ivRuscw4Vc

L’articolo qui, parla di ciò che ha preceduto tale questione come lo scandalo “Vatileaks”, ossia lettere e corrispondenze private del Papa trafugate, fotocopiate e divulgate, insomma la privacy violata. In questi carteggi che poi sono stati pubblicati da Gianluigi Nuzzi in un libro, sappiamo molte cose tra cui l’accusa del cardinale Tettamanzi dove accusava il card. Bertone di dare ordini a nome di Benedetto senza che il Papa ne fosse neppure informato, poi quella inviata dal card. Nicora al Presidente dello Ior Gotti Tedeschi dove lo informava del cambio legge antiriciclaggio operato dal card. Bertone e quella di Mons. Viganò a Benedetto dove l’arcivescovo faceva duri riferimenti al card. Bertone. Tutti documenti che parlavano di uno strapotere del Segretario di Stato, come sopra, e quindi forse della inabilità giuridisdizionale di cui sopra. Infatti, il presidente dello IOR fu fatto fuori all’insaputa del Papa. Quindi il Cardinale Bertone la faceva da padrone.

Leggete la serie di articoli di Cionci e vi farete un idea. Quello che conta è che l’Emeritato per il Papa NON PUO’ esistere. Chissà perchè oggi dopo 8 anni si parla di dare “giurisprudenza” a tale iniziativa? E su cosa si baseranno teologicamente? E’ un aberrazione assoluta da ogni parte la si voglia vedere. Quindi, prima di leggere male la Declaratio va conosciuta bene la storia del Pontefice e delle sue difficoltà giuridiche a farsi obbedire. Quindi era impossibilitato giuridicamente a governare, per questo si è fatto da parte. Quindi la sede impedita proprio per questo fattore dell’obbedienza che sotto Benedetto è venuta meno, quindi vi è causa di impedimento al Governo proprio.

Quale governo senza obbedienza può esistere? NESSUNO. Benedetto era come solo, poteva poco e nulla. Ma non ha abbandonato la barca di Pietro, è ancora il Papa regnante. Si aspetta solo che o reagisca lui o reagiscano gli altri.

Altri fattori che convolano a nozze con l’idea di impedimento è:

Lo SWIFT. Ossia quell’ente che dall’esterno alla Chiesa ha il controllo dei codici di transazioni economiche e finanziarie di quasi tutte le banche, tra cui lo IOR. Stiamo parlando dell’era Obama. L’amministrazione Obama. Lo SWIFT è ” l’acronimo sta per Società per le Telecomunicazioni Finanziarie Interbancarie,  è il centro del circuito mondiale con sede in Belgio, che unisce le banche di tutti i paesi del mondo. Di fatto, è il più capillare centro di gestione globalista della finanza, microscopio di spionaggio economico e politico, ossia il meccanismo più temibile con cui il la finanza globale stronca le gambe agli Stati che non obbediscono.

Per quanto si cerchi di negare l’evidenza, questo è quanto. Vi posto dei link: https://contropotere.it/2020/10/31/papa-bergoglio-merita-davvero-di-chiamarsi-francesco-come-il-poverello-di-assisi-una-strategia-economico-finanziaria-della-banca-vaticana-ior-dietro-la-sua-elezione-soldi-non-beneficienza/

https://caserta24ore.altervista.org/2017/02/11/obama-soros-e-le-dimissioni-di-papa-benedetto-xvi/

In questo contesto si inserisce la famosa “mafia di San Gallo”.

LA MAFIA DI SAN GALLO COSA E’?

Questa espressione fu coniata dal defunto cardinale Danneels per il suo libro rivelatore per via del suo pentimento, per identificare il cosidetto “Team Bergoglio” che da anni (fin da Giovanni Paolo II) si riuniva in segreto nella località svizzera, con pieno stile alla “cosa nostra”, segreti e codici. Cosa volevano questi pochi cardinali? da come si evince dal libro The Election of Pope Francis: An Inside Account of the Conclave That Changed History (L’elezione di Papa Francesco. Un resoconto interno del conclave che ha cambiato la storia) redatto da un vaticanista “privilegiato”, trattandosi di Gerard O’Connell, corrispondente presso Roma della rivista dei gesuiti America, nonché marito di Elisabetta Piqué, la giornalista argentina che ricevete la prima telefonata dal neoeletto papa Francesco (fatto raccontato da lei stessa nel suo libro Francesco. Vita e rivoluzione). (https://cronicasdepapafrancisco.com/2019/04/14/al-conclave-del-2013-lo-spirito-santo-trovo-il-papa-gia-eletto/), questi cardinali volevano un Papa “moderno” che portasse rivoluzioni senza freni per modernizzare la Chiesa (come se il seme del Concilio non sia bastato) e quindi cercavano di far largo a Jorge Mario Bergoglio da loro ritenuto “valido” allo scopo, meno che la Madre di Bergoglio stesso, che gli disse: “Figlio mio, non ti vedo prete!”. Quindi tale “mafia”, senza alcun peso inizialmente cercò consensi per Bergoglio nel conclave del 2005, fallendo e quasi rassegnandosi. Ora, penso come la trama di un film mafioso, posso ipotizzare che i centri di potere reale (non i fantocci democratici che vedete) necessitavano di una spalla ideologica anche nella Chiesa per la loro agenda globalista e transumana, e siccome tale setta è storicamente la setta che collabora con i Gesuiti nella storia generale, hanno magari intercettato questa combriccoletta? Quattro scugnizzi intercettati per far danno e nel frattempo vedersi realizzato il loro sogno: Avere il primo Papa Gesuita della storia!. Notate bene, Bergoglio era quello che aspettavano, il Piacione modaiolo che aspettavano. Quindi in soldoni, la cosidetta “mafia di san gallo” è solo uno strumento della vera mafia, la stessa che ha portato il mondo in due guerre mondiali e varie rivoluzioni sanguinarie, con annesse peste ideologica del Bolscevismo o del Liberalismo. Non mi pare che Papa Benedetto si sia lasciato spaventare da quattro scugnizzi. Ora, mi pare tanto chiara la cosa. Anche perchè, questo mondo per la Chiesa è una prova, dove il Demonio attacca la Chiesa, nella Fede, nella Morale (delle masse in primis) e nell’Istituzione, quindi anche nel Papato.

Per un fine si uniscono varie parti ognuna interessata ai propri interessi!

Come l’Unità d’Italia è stato un attacco al Papato e allo Stato Pontificio che ha portato la nascita del Liberale e massonico “stato italiano”, così è la “dietrologia” del “Papa Emerito”.

A voi l’ardua sentenza. E’ inutile negare l’evidenza, sia materiale che di segni e se si segue bene la vicenda si capisce tutto. Il Papa è Benedetto XVI, la sua “rinuncia” in ogni caso è invalida perchè NON realmente libera o relativamente libera.

Il "Papa Emerito" è un'escamotage. 8 anni di brutture, divisioni, liti, dovrebbero dimostrarlo. È in sintesi: un attacco al Papato e all'unità della Chiesa. Benedetto XVI è stato intimamente un Eretico o cosa vi è sotto?
P.S. Il “è stato intimamente un eretico” solo per domanda ma è ovvio che non lo è, almeno non lo giudico così. Ma è evidente che c’è qualcosa sotto e i “conti NON tornano”. Prudenza vuole che nel Canone della Messa si nomini LUI come Pontefice Regnante, perchè tutta questa storia ha dell’illegittimo, da qualunque angolatura la si voglia vedere. Basta negare l’evidenza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...